BREAKING NEWS

23/05/14

#Guantanamo, a Monaco di Baviera la protesta contro il campo di prigionia

Hai già visitato la nostra pagina Facebook? Clicca qui e diventa nostro fan

Un anno fa, ‪‎BarackObama‬, prometteva di chiudere il carcere di massima sicurezza di ‪Guantanamo‬. ‪‎Amnesty International‬, nel suo rapporto, denuncia come da quel giorno poco è veramente cambiato per il rispetto dei ‪diritti umani‬.

Il campo di prigionia di Guantánamo è una struttura detentiva statunitense di massima sicurezza interna alla base navale di Guantanamo, sull'isola di Cuba. Dall'11 gennaio 2002, il governo degli Stati Uniti, sotto l'amministrazione Bush, ha aperto un campo di prigionia all'interno della base, finalizzato alla detenzione di prigionieri catturati in Afghanistan e ritenuti collegati ad attività terroristiche. Nel corso degli anni, si sono levate polemiche circa le condizioni di reclusione e l'effettivo status giuridico-fattuale dei reclusi. Molti sostengono che i detenuti non sarebbero classificati dal governo USA come prigionieri di guerra, né come imputati di reati ordinari (il che potrebbe garantire loro processi e garanzie ordinarie).

Nel dicembre 2008 inizia a essere affrontato il problema della chiusura della prigione, dopo che il neoeletto presidente Barack Obama ha manifestato tale intenzione. Il 21 gennaio 2009 il presidente statunitense firmò l'ordine di chiusura del carcere (ma non della base militare), che doveva essere smantellato entro l'anno. A più di quattro anni di distanza, ciò non è ancora avvenuto.

Chiara Gallo scrive: "I prigionieri di Guantanamo non godono dei diritti assicurati dalle leggi americane perché opportunamente tenuti lontani dalla giurisdizione dei tribunali americani e non godono neppure dei diritti previsti nei paesi nei quali sono detenuti, visto che sono del tutto sconosciuti alle amministrazioni di giustizia locali. Esseri umani,vestiti con tute arancioni trascorrono le giornate rinchiuse in gabbie di ferro quadrate, nel disorientamento più totale, senza capire perché si trovano lì e perché in quelle condizioni. Uomini eternamente bendati, con le orecchie occluse da oggetti di varia natura e le mani foderate di guanti, tanto spessi da perdere ogni contatto con la realtà. Non sono esagerazioni delle cronache, ma avvenimenti testimoniati dalla viva voce dei sopravvissuti"

In questi giorni, abbiamo letto di Guantanamo sulle pagine di cronache in seguito ad uno sciopero dei detenuti. Esso ospita 166 detenuti, molti dei quali stanno facendo lo sciopero della fame. A Monaco di Baviera, un gruppo di attivisti, hanno manifestato per attrarre l'attenzione dell'opinione pubblica sulla vicenda.

BuongiornoMonaco.com li ha incontrati. Ecco le foto:










#NOGUANTANAMO #NOTORTURE #GUANTANAMO #MUNICH #STOPTORTURE #AMNESTYINTERNATIONAL

Posta un commento

AVVERTENZE: I commenti contenenti spam saranno rimossi.
[ Per contattare lo staff di BuongiornoMonaco scrivi a buongiornomonaco@gmail.com ]

 
Copyright © 2016 Buongiorno Monaco - Il portale per gli italiani a Monaco di Baviera Tutti i diritti riservati -