Maddie McCann, la triste svolta: «Uccisa da un pedofilo tedesco con 17 condanne»


 Potrebbe essere la svolta decisiva in un mistero che dura ormai da 13 anni: quello della scomparsa di Maddie McCann, la bambina inglese di 3 anni svanita nel nulla nel maggio del 2007 durante una vacanza in Portogallo con i genitori. Ora gli investigatori hanno individuato il principale sospetto: si tratta di un pedofilo tedesco, Christian Brückner, oggi 43enne, che si trova già in carcere in Germania per lo stupro di una anziana turista americana. Brückner è stato «tradito» da un suo amico, al quale aveva confidato, durante una sbronza in un pub, di «sapere tutto» su Maddie, il cui volto era apparso sullo schermo della tv nel decimo anniversario della scomparsa.

Madeleine McCann è sparita in Portogallo nella notte del 3 maggio 2007 dall’appartamento dove era in vacanza con i genitori Kate e Gerry e i due gemellini più piccoli. Tredici anni di congetture, falsi allarmi, centinaia di segnalazioni ovunque. Maddie è diventata uno dei casi di bambini scomparsi più famosi del mondo. 

Ieri, 4 giugno 2020, la prima svolta investigativa degna di nota: la bambina sarebbe morta, vittima della violenza di un pedofilo tedesco oggi 43enne, Christian Stefan Bruckner, già condannato 17 volte (anche per pedopornografia e pedofilia), e attualmente in carcere in Germania con l’accusa di aver stuprato una turista americana. L’uomo era stato arrestato due anni fa nei pressi di Milano con un mandato di arresto internazionale e doveva scontare 6 anni e 10 mesi per traffico di droga.

Nuova Vecchia