Il Coronavirus penetra nel sistema nervoso attraverso il naso

Troppo spesso si vedono persone che (di proposito o distrattamente) non indossano correttamente la mascherina, lasciando addirittura scoperto il naso. 

Questo comporta gravi rischi. 

Il coronavirus è in grado di penetrare direttamente nel bulbo olfattivo, quindi è in grado di raggiungere il sistema nervoso; ciò spiega il motivo della perdita di olfatto. 

È quanto emerge dai casi clinici riportati da Patrizia Morbini della Università di Pavia riportati sulla rivista JAMA Otolaryngology - Head & Neck Surgery. "Abbiamo potuto prelevare il bulbo olfattorio in due soli pazienti - racconta l'esperta in una intervista all'ANSA - e lo studio riporta i risultati osservati in uno dei due, che aveva una forma grave di COVID".

"In questo paziente - continua l'esperta - abbiamo dimostrato con la microscopia elettronica la presenza del virus nel bulbo olfattorio; associato ad una grave infiammazione". Questo aspetto suggerisce un danno diretto del virus nel bulbo olfattorio. 

Pur trattandosi di un case report, quindi di una singola osservazione clinica, precisa la Morbini, "la nostra rappresenta la prima evidenza di un diretto coinvolgimento del bulbo olfattorio da parte del SARS-CoV-2, che va a supportare i dati strumentali di danno in questa area in pazienti COVID, e l'evidenza clinica di compromissione dell'olfatto. 

Ciò suggerisce che questo virus, come altri coronavirus, è in grado di raggiungere il sistema nervoso attraverso le fibre dei recettori della mucosa olfattoria".

Nuova Vecchia