Lavoro nero in Germania, parrucchieri contro calciatori: "Capelli perfetti nonostante lockdown"



Un’associazione tedesca di parrucchieri ha pubblicato una lettera indirizzata al presidente della Federazione calcistica Fritz Keller, in cui si afferma che i calciatori abbiano sempre capelli ben curati nonostante la chiusura dei saloni dal 16 dicembre. 

Una stranezza che ha portato l’associazione a pensare che ci siano barbieri che lavorano in nero in un momento in cui la maggior parte dei parrucchieri non può esercitare la professione a causa delle restrizioni imposte dal governo per contrastare l'aumento dei contagi da Covid19.

Il risentimento sta crescendo verso i giocatori di calcio in perfetto stile e, di conseguenza, verso le chiamate dei clienti che cercano di persuadere i parrucchieri a fare un lavoro in nero e di infrangere le regole, ad esempio con le visite a domicilio”.
Nuova Vecchia