BREAKING NEWS

02/02/17

Trasferirsi a Monaco di Baviera. Intervista alla Dott.ssa Mattarei


 Presso la Caritas di Monaco di Baviera (Caritas-Zentrum Innenstadt) abbiamo incontrato la Responsabile del Servizio Migrazione (Migrationsdienst), la Dott.ssa Norma Mattarei, alla quale abbiamo posto numerose domande circa le difficoltà riscontrate dalla comunità italiana a Monaco.


Nei video, verranno messi in evidenza i pro ed i contro legati a questa decisione. Lo scopo è proprio quello di fornire un quadro chiaro della situazione degli immigrati italiani nella Capitale Bavarese e avere gli elementi necessari per orientarsi bene, prima di partire.



Nel primo video, vengono fornite informazioni circa:
- il Servizio Migrazione della Caritas e la sua mission
- Italiani residenti a Monaco di Baviera
- Problematiche principali espresse
- Immigrazione ieri e oggi


Nel secondo video, vengono fornite informazioni circa:
- Monaco di Baviera come meta
- Primo orientamento (a quale uffici rivolgersi)
- Il problema dell'alloggio e indicazioni su come trovare casa
- La conoscenza della lingua tedesca
- Cercare lavoro a Monaco di Baviera


Nel terzo video, vengono fornite informazioni circa:
- Lavoro e rischi legati alla situazione di "bisogno"
- Il Welfare in Germania e gli aiuti dello Stato tedesco in favore degli immigrati
- Consigli per chi si appresta a partire per Monaco di Baviera
- Integrazione e realizzazione professionale e personale a Monaco di Baviera



Hai altre domande? Scrivi a buongiornomonaco@gmail.com 
Hai già visitato la nostra pagina Facebook? Clicca qui e diventa nostro fan

13 commenti :

  1. Insomma La solita somma di banalità se mi consentite. Avrei voluto sentire che la Caritas si attiva per la difesa, anche davanti ai giudici del lavoro, di tutti quei lavoratori bistrattati e sfruttati ignobilmente. Avrei voluto sentire che la Caritas organizza seminari su quali sini i diritti e doveri del lavoratore. Purtroppo niente di tutto questo

    RispondiElimina
  2. Personalmente, grazie alla Caritas, sono riuscita a risolvere diversi problemi che ho incontrato (soprattutto nei primi mesi) da quando sono arrivata a Monaco.
    La Mattarei mi ha dato molte informazioni e aiutato in diversi modi. Non finirò mai di ringraziarla. Antonietta

    RispondiElimina
  3. Graziano DeStanzo28 giugno 2014 15:08

    Quale anno fa quando sono arrivato a Monaco ho parlato con questa signora per caso e devo dire che mi ha indirizzato abbastanza bene. Monaco di Baviera è una città caotica e senza una conoscenza della lingua è davvero difficile riuscire ad ambientarsi. E poi, non è tutto oro quello che luccica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione: non e' tutto oro quello che luccica, state attenti

      Elimina
  4. Per una persona come me che è intenzionata a partire per Monaco, questa intervista è stata davvero molto utile. Spero che vada tutto bene perchè in Italia non abbiamo più neanche gli occhi per piangere, non c'è futuro e speranza......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CIAO da Sebastiano, da provincia di BG, credo che sia molto importante lo spirito di iniziativa, in Italia come ovunque, ma per concretizzare i propri progetti è indispensabile uno STATO degno di essere così chiamato. La Germania lo è
      per la capacità delle persone di condividere comportamenti e di metterli in pratica
      nel quotidiano...Cosa ne pensi?

      Elimina
  5. Qualche anno fa io e mio marito abbiamo perso entrambi il lavoro e con due bambini da mantenere ci è crollato il mondo addosso. Da un giorno all'altro, le nostre abitudini, le nostre certezze, tutto quello che avevamo si è sgretolato davanti ai nostri occhi. Non avevamo un futuro per noi, ma la cosa peggiore era che non potevamo garantirlo ai nostri bambini, Mio marito ha cercato di tutto in Italia, ha provato a fare i lavori più umili. La stessa cosa ho fatto io, senza nessuna vergogna, perchè il sentimento di vergogna dovrebbe provarlo solo la gente che ruba. Purtroppo non siamo riusciti a raccimolare nemmeno i soldi dell'affitto. I nostri risparmi sono finiti in fretta e con gli ultimi soldi che c'erano rimasti abbiamo scelto di prendere la macchina e partire, dicendo ai nostri figli che saremmo andati a fare un viaggio divertente, che avremmo dormito in macchina per qualche giorno, ma dopo si sarebbe sistemato tutto. Raccontare la nostra storia mi fa ancora oggi venire i brividi. Quando siamo arrivati a Monaco abbiamo da subito desiderato di poterci stabilire qui. Ci è sembrata una città pulita, ordinata e anche se tutto ci sembrava strano per via della lingua, era come se fosse la nostra seconda casa. Forse avevamo bisogno di vederla in quel modo, forse volevamo convincerci. Mio marito ha girato in un solo giorno una trentina di ristoranti italiani tutti al centro di Monaco. Avevamo parcheggiato la macchina con la sensazione di doverla riprendere per andare chissà dove e passare la notte chissà come. Sarà stato un miracolo, sarà stata la provvidenza, più di un ristoratore ha chiuso la porta in faccia a mio marito e solo 1 gli ha proposto di iniziare il giorno dopo. Abbiamo dormito in una pensione per circa una settimana (il periodo di prova di mio marito) e non riuscivo a crederci quando mi ha detto che era stato assunto a tempo indeterminato. Abbiamo trovato casa grazie all'aiuto di questo stesso ristoratore, ormai diventato un uomo di famiglia. So benissimo che non tutte le storie sono fortunate come la nostra, so benissimo che noi ci siamo giocati tutto. Oggi però quando vedo i miei figli parlare tedesco, vederli studiare con profitto e li vedo sorridere, dentro capisco che abbiamo fatto la scelta giusta, forse la migliore della nostra vita.E' vero che si rischia di esaurire tutti i risparmi, ma per molti questa è l'ultima spiaggia. In bocca al lupo a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Complimenti! sono orgoglioso di avere connazionali come voi. Auguri x l'avvenire.
      Gaetano

      Elimina
  6. Qui vedo persone che vorrebbero lavorare in Germania ma non sanno il tedesco. Senza sapere il tedesco in Germania non lavori nemmeno da MacDonalds! Laureati che sciorinano i loro 110 e lode come se contasse qualcosa. Lì conta quello,che sai fare, ma se non sai la lingua non sai fare nulla. Iscrivetevi admun corso di tedesco, e vi avverto che non è semplice come l'inglese, va studiato con impegno ed è difficile, non arrangi una frase come in inglese se non sei almeno un livello A2!

    RispondiElimina
  7. In Italia non mi era rimasto nulla ed ecco perchè ho scelto di venire qui... So che molti vengono senza la conoscenza della lingua ma devo ammettere che moltissime persone, anche senza una buona conoscenza della lingua iniziale, è riuscita comunque a costruirsi una vita che in Italia non avrebbe mai avuto !!!! In bocca al lupo a tutti

    RispondiElimina
  8. Marco sono a monaco da una settimana in cerca di lavoro o girato per ristoranti e non solo ma non o trovato ancora niente per chi decide come me di avvnturarsi vi dico che non e facile specie per chi non a un appoggio e non a molti soldi auguri a tutti Marco

    RispondiElimina
  9. Marco sono a monaco da una settimana in cerca di lavoro o girato per ristoranti e non solo ma non o trovato ancora niente pre chi decide come me di avventurarsi vi dico che non e facile specie per chi non a un appoggio e non a tanti soldi addisposizione auguri ciao marco

    RispondiElimina
  10. ciao sono un ragazzio de marocco che appetavo a italia da 2008 perso lavoro e sono vanoto con mia moglia a pliening lontano da 20 km a monaco iere.abbiamo la casa e lavoro mia moglia comenca lavoro lunede pero io non posso lavorare con permesso de seggiorno italiano come devo fare che posso lavorare e stare qui,.qualcono pou auitare qualce inf.anche se ce un avvocato che parla ialiano

    RispondiElimina

AVVERTENZE: I commenti contenenti spam saranno rimossi.
[ Per contattare lo staff di BuongiornoMonaco scrivi a buongiornomonaco@gmail.com ]

 
Copyright © 2016 Buongiorno Monaco - Il portale per gli italiani a Monaco di Baviera Tutti i diritti riservati -