Coronavirus a Monaco di Baviera, Daniela Di Benedetto: "Situazione in veloce evoluzione, manteniamo i nervi saldi"

Daniela Di Benedetto

Care Connazionali, cari Connazionali, 

La situazione in veloce evoluzione non lascia spazio a molte valutazioni che non siano nel senso di seguire in modo responsabile e preciso le indicazioni che ci vengono date dai nostri riferimenti Istituzionali. 

Le misure prese dallo Stato Italiano sono misure forti e coraggiose che meritano il nostro orgoglio. Mi è perfettamente chiaro come queste misure mettano a dura prova ciascuno di noi, ergendo un muro impietoso tra noi e i nostri cari. 

È un sacrificio grave ma che deve essere rispettato ad ogni costo per il bene nostro, dei nostri affetti, dei piú deboli, per senso civico. Purtroppo l’Italia é arrivata per prima e da sola a questa conclusione dolorosa. 

Qui in Germania né il governo centrale né il governo bavarese hanno mostrato lo stesso tempismo ne la stessa lungimiranza anche di fronte ai primi imprevisti casi, accertati in Baviera di COVID-19. 

Certamente a monte di questo atteggiamento attendista ci sono state dei ragionamenti che vanno rispettati, come vanno rispettate le misure ad oggi prese. Tutto il mio rispetto va all’azione del sindaco Dieter Reiter che in qualità di sindaco della città capitale ha premuto per una iniziativa dello Stato Bavarese per la tutela della salute dei concittadini. 
Le scelte decisive possono però avvenire solo a livello di Stato Confederato e Stato Federale. 

La gravità di questa nuova forma influenzale é data dalla sua novità, appunto, dal fatto che non abbiamo ancora sviluppato misure preventive di protezione, alla velocità della sua diffusione. 

Molti scienziati sono al lavoro giorno e notte per studiare forme di prevenzione del nuovo virus. Un esercito di medici e paramedici sono impegnati per curare i casi influenzali, dai piú gravi ai meno gravi, la rete ospedaliera delle ragioni piú colpite é giá messa a dura prova. 

A noi cittadini non resta che mantenere i nervi saldi e seguire le istruzioni che riceviamo, indipendentemente dal fatto che ne comprendiamo il senso o no, indipendentemente dal fatto che le riteniamo opportune o tardive. Nessun eccesso di prudenza in questo momento potrà recare un danno a noi né al nostro prossimo. Compiamo solo ed esclusivamente le azioni necessarie e sufficienti alla nostra quotidianeità.

Alcune scelte importanti e onerose in Baviera sono state operate da imprese e datori di lavoro, permettendo flessibilità a dipendenti e famiglie e liberando le strade e i mezzi pubblici, anche a costo di importanti perdite in termini di ultili. A queste aziende va tutta la mia stima e gratitudine di donna, madre, lavoratrice e soprattutto di cittadina e rappresentante istituzionale. 

Rimaniamo fiduciosi, sensibili e rispettosi. Evitiamo di affollarci nei negozi e di partecipare a manifestazioni, anche a quelle meno numerose non ancora sospese. Tutti insieme ne usciremo. 


Daniela Di Benedetto 
Presidente Comites Monaco di Baviera
Nuova Vecchia
Coronavirus a Monaco di Baviera
(dati aggiornati al 01.04.2020)
CASI POSITIVI: 2.926 GUARITI: 487 DECEDUTI: 9