BREAKING NEWS

NEWS

INFORMAZIONI

COSA VISITARE A MONACO

VIVERE A MONACO

19/05/18

Compilare un Lebenslauf e affrontare un colloquio di lavoro a Monaco di Baviera


Se siete stati invitati per un colloquio di lavoro è un buon segno, ma attenzione a non dare nulla per scontato. Vuol dire che il vostro Lebenslauf non è passato inosservato, ma i concorrenti sono tanti e ogni giorno le aziende, medie o grandi che siano, invitano più di un candidato per una prima conoscenza. 
Se stai cercando come scrivere in maniera corretta un Lebenslauf / Curriculum in tedesco, qui trovi la riposta.

Se hai sempre pensato che l'apparenza non sia importante, dovrai ricrederti. Soprattutto in un colloquio di lavoro, la prima impressione è fondamentale, poiché non avrai oltre opportunità per impressionare positivamente il selezionatore. 

NON TRASCURARE IL TUO ASPETTO FISICO 
Preparati con largo anticipo al colloquio e cura ogni particolare del tuo aspetto fisico. Dovrai sentirti sicuro/a di te e sapere che stai dando la migliore impressione possibile. 

L'ABBIGLIAMENTO 
Non esagerare, ma non dare nulla per scontato. A Monaco di Baviera e in generale in Germania, non c'è un'attenzione per i dettagli così accentuata come in Italia. In ogni caso, dovrai fare attenzione a cosa indosserai quel giorno. Non esiste una regola univoca, ma tutto dipende dal tipo di ruolo che andrai a ricoprire e per quale azienda lavorerai .
Ipotizzando un lavoro d'ufficio, ti consigliamo di indossare giacca e cravatta e di togliere il cappotto subito dopo essere entrato nella sala del colloquio. Dovrai indossare dei vestiti che ti facciano sentire a tuo agio ed i colori non dovranno essere troppo accesi.

PRESENTATI CON CALMA 
Il tuo tedesco non è madrelingua ed è normale commettere degli errori, ma se hai paura di commetterli la probabilità che la tua ansia aumenti è molto alta e il nervosismo non ti aiuterà certo a fare una bella figura.
Prepara un discorso generale di presentazione e non dimenticare di sorridere.

STRINGI LA MANO CON DECISIONE 
Lo avrai sentito dire più di una volta: le strette di mano poco decise non sono proprie delle persone sicure di sé. Stringi la mano del tuo interlocutore con decisione, ma non con troppa forza. Non dimenticare di guardare negli occhi il tuo interlocutore quando parli o quando ti sta parlando. Abbassare lo sguardo o guardare altrove è simbolo di scarsa attenzione, insicurezza e tante altre cose poco positive.

MEMORIZZA IL TUO CURRICULUM  
Lo hai scritto tu, devi conoscerlo a memoria e non fare confusione tra le varie esperienze di lavoro. Ricorda bene le date e fai in modo che non ci siano buchi tra un'esperienza e l'altra. 

NON PARLARE MALE DEI PRECEDENTI DATORI DI LAVORO
Quando ti chiederanno come mai sei passato da un'esperienza di lavoro ad un'altra, dovrai spiegare che avevi voglia di crescere professionalmente, fare nuove esperienze, iniziare un nuovo percorso. 
Non parlare male dei tuoi precedenti datori di lavoro, dei tuoi ex colleghi e soprattutto cerca di apparire rilassato e in pace con il mondo. 

LASCIA CONCLUDERE LE FRASI 
C'è chi dice che è tipico dell'impulsività italiana, ma non lasciare finire di parlare il tuo interlocutore non è visto di buon occhio. Non interromperlo per nessun motivo e sii paziente, anche se pensi di aver capito già quello che vuole chiederti, ricordati che è buona norma parlare una persona per volta.

IL TONO DELLA VOCE
Il tono della voce non deve mai essere eccessivamente alto o basso, ma essere simile a quello del tuo interlocutore. Non parlare troppo velocemente per dimostrare una conoscenza fluida del tedesco perché rischieresti di apparire nervosismo. 

NON INFORMAZIONI SULLO STIPENDIO 
Ci sarà tempo e modo per sapere quanto guadagnerai, ma non è consigliato chiedere informazioni sullo stipendio durante il primo colloquio.
Una delle domande che viene posta più frequentemente è "Quanto vorrebbe guadagnare". Preparatevi facendo delle ricerche su internet sugli stipendi per professione oppure guardate quanto si guadagna a Monaco di Baviera.




18/05/18

Parrucchieri italiani a Monaco di Baviera


Stai cercando un parrucchiere che parli italiano a Monaco di Baviera? 
BuongiornoMonaco.com ti consiglia i seguenti indirizzi: 



- Gianni Di Franca 
Ickstattstraße 11A
Tel: 089 461 33 868

- Friseur La Bellezza di Claudia Ciprioti 
Boschetsrieder Str. 11
Tel: 089 7232 108

- Haarstudio Furore di Gisella Dinatale
Notburgastraße 4
Tel: 089 129 12 32 

- Catello Coppola Frisuren
Leopoldstraße 128
Tel: 089 391 003
http://www.catello-coppola.de/

- Friseur UOMO e DONNA
Weißenburger Pl. 2
Tel: 089 44 87 346 

- Giovanni Hair-Salon
Brienner Str. 18
Tel: 089 284 102

- Santino Primavera der Salon 
Damenstiftstr. 18
Tel: 089 95 44 65 34 

- Hair Michele
Kurt-Haertel-Passage 3
Tel: 089 53 11 66

Biagio Semeraro Italian Hairdesign 
c/o ferry's for hair Reichenbachstraße 15
(zwischen Viktualienmarkt und Gärtnerplatz)
Tel: 0175 224 79 35 http://www.italianhairdesign.de/

- Cristian Ricotta Friseur - Beauty & Lifestyle
Tumblingerstr. 17
Tel: 089 12 59 73 72 

- Friseur Rino 
Menradstr. 12
Tel: 089 13 48 71

- Nicolo Ihr Friseur
Planeggerstr. 21 - (Pasing)
Tel: 089 83 96 94 27 

- Cultura Capelli - Hair Design 
Pixisstr.7 - (Bogenhausen)
Tel: 089 90 89 94 44

- Moda Capelli Cupo
Eisenmannstr. 4
Tel: 089 23 70 77 27 

- Nicolo your hairdresser
Planegger Str. 21,
Tel: 089 83 969 427
http://www.nicolo-ihrfrisoer.de/

- La Forbice di Franco Taverna 
Ehrengutstr. 25
Tel: 089 76 46 67 

- Haarstudio Bell Hair di Angela Cipolla
Truderinger Str. 319
Tel: 089 45 45 54 50 

- Friseur Santoro 

Nymphemburger Str. 44
Tel: 089 12 73 89 40 

28/04/18

Elisa in concerto a Monaco di Baviera




Un appuntamento da non perdere il 9 maggio 2018 allo STROM di Monaco di Baviera per l'unica data del concerto di Elisa. 

L'indirizzo dell'evento è: Strom - Lindwurmstraße 88 

26/04/18

10 cose da non dire a chi è emigrato



1) Beato te che sei all'estero e fai la bella vita.
Se beato sono io che lavoro all'estero con sacrificio e faccio i soldi, beato potresti essere anche tu, prendendo la valigia, partendo e lavorando come sto facendo io,  con lo stesso sudore e lo stesso sacrificio. Forza, provaci, fai la bella vita anche tu!


2) E' più difficile restare in Italia che partire!
E chi lo ha detto? Sicuramente è più facile restare in Italia facendo sacrifici con il portafoglio dei propri genitori che partire e scegliere di fare sacrifici con il sudore della propria fronte. 
Prova a partire, imparare una nuova lingua, cercare una casa che magari dovrai condividere con persone che non conosci, cercare disperatamente un lavoro qualsiasi mentre tutti i tuoi risparmi si stanno volatilizzando e quando lo trovi sentirti come se avessi vinto al lotto. 
Lavora e torna a casa, stanco, senza che nessuno ti faccia trovare un piatto caldo già pronto, senza che nessuno ti rifaccia il letto, lavi la biancheria, stiri le tue camicie, riordini la tua stanza... 
Prova a rimboccarti le maniche come ho fatto io e poi fammi sapere cos'è più facile. 



3) Non ti mancano i tuoi amici? 
E' ovvio che gli amici mi manchino, così come la mia famiglia. E' ovvio a tal punto che non dovrebbe essere nemmeno chiesto. 



4) Da quando sei partito non ti fai più sentire. 
Esiste un metodo infallibile per contattare una persona che secondo te non si sta facendo più sentire: prendere il telefono e chiamarla.
Non aspettarti che sia sempre io a chiamarti. Non aspettarti che abbia sempre il tempo e la voglia di farlo. Spesso una telefonata ricevuta, un sms ai tempi di whatsapp non costa nulla e significa tanto. 


5) Stai lavorando? 
Chiesto ancora prima di "come stai?". Prova a chiedermi "come vanno le cose?" o magari "come te la passi?", cerca di essere più generico e non chiedermi direttamente se dopo un mese sono riuscito a trovare un lavoro. 


6) Quanto guadagni? 
Non c'è alcuna ragione per cui tu debba essere a conoscenza di quanto io guadagni. Forse vuoi capire se è più o meno di quanto guadagni tu, ma chiedere a quanto corrisponda lo stipendio di una persona è decisamente di cattivo gusto. 
Così come tutte quelle domande simili: "ti pagano bene?", "lo stipendio com'è?". 
Sono similmente di pessimo gusto. 

6) In Germania non c'è crisi...
La crisi è ovunque. Se ti hanno raccontato che in Germania non esiste, allora puoi continuare a confrontarti con gente che ama raccontare stupidaggini e convincerti che tutti vivano nel lusso e che i soldi cadano dal cielo.  


7) Quando riparti? 
In genere questa domanda è collegata a "Quando sei arrivato?". Sembra quasi di essere ai controlli doganali dell'aeroporto. 
Non credo sia fondamentale sapere quando me ne andrò. Preferisco non pensare al momento in cui le ferie finiranno.
Non temere: non dovrai ospitarmi a casa tua  durante le mie vacanze.  


8) Sei cambiato
Certo che sono cambiato.
Per forza. 
Probabilmente la distanza ti aiuta a vedere bene sfumature che da vicino non riuscivi a cogliere. Probabilmente sono cresciuto, maturato. Potrei anche non starti particolarmente simpatico, ma dirmi che sono cambiato non mi farà sentire in colpa perché non c'è alcun motivo per esserlo. 
Si fanno nuove esperienze, si cresce, si cambia. 
E' inevitabile.  Fattene una ragione e prova anche tu. 

9) Mi trovi un lavoro? 
Cosa ti fa credere che io sia una sorta di ufficio di collocamento? Cosa ti fa pensare che io abbia il tempo di farlo?  E poi, mi è capitato di aver trovato un lavoro per gente che improvvisamente non era più interessata a trasferirsi, chi avrebbe voluto fare lavori d'ufficio con il solo titolo di licenza media o chi si è lamentato di qualsiasi cosa, arrivando a togliermi il saluto. 


10) Qua si muore di fame...
Disse l'uomo vestito firmato dalla testa ai piedi, con in mano il suo nuovo I-Phone comprato a rate...  



continua...

07/04/18

Muenster, furgone sulla folla: morti e feriti. La polizia parla di attentato




7 Aprile 2018 -  Torna l'incubo terrorismo in Germania
Nel pomeriggio di sabato 7 aprile 2018, nel centro di Muenster,  un veicolo  è piombato sulla folla investendo e uccidendo 2 persone. 

Dopo aver investito numerosi passanti ha terminato la sua corsa schiantandosi contro le vetrine del bar Kiepenkerl e uccidendo sul colpo due dipendenti. 


A compiere il folle gesto è stato un tedesco, Jens R.,  48 anni, con ricoveri passati per problemi psichici. 
L'uomo si è tolto la vita sparandosi con un'arma che aveva con se.  Durante la perquisizione del suo appartamento 

La polizia aveva chiesto di evitare di circolare in auto e di allontanarsi dal centro della città in modo che le forze dell'ordine e le macchine dei soccorsi possano lavorare senza intralci. 

Molti feriti sono stati trasportati fino alla Schlossplatz, la piazza del Castello di Muenster che permetteva l'atterraggio degli elicotteri di emergenza.

LA COINCIDENZA DELLE DATE  - Esattamente il 7 aprile dell'anno scorso, un assassino ha guidato con un camion rubato nel centro di Stoccolma, uccidendo cinque persone e ferendone gravemente quattordici. 

GERMANIA SCONVOLTA - I fatti di Muenster sconvolgono la Germania e la costringono a riflettere sui processi mentali che hanno portato un tedesco con problemi psichici ad agire come un kamikaze dello Stato Islamico e a nascondere in casa propria armi da guerra ed esplosivo.






Salvatore Bufanio

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO 

09/03/18

Bmw cerca personale a Monaco di Baviera: come candidarsi


Sono più di 200 le offerte di lavoro pubblicate dall'azienda automobilistica BMW con sede a Monaco di Baviera.

Le figure ricercate sono numerose e richiedono un'adeguata conoscenza della lingua tedesca, dell'inglese e di almeno un'altra lingua.

Non solo ingegneri, ma anche stagisti che desiderino entrare in contatto con il mondo del lavoro attraverso uno dei maggiori gruppi automobilistici del mondo.

Tutte le posizioni sono aggiornate direttamente dall'azienda e disponibili a questo indirizzo
 
Copyright © 2016 Buongiorno Monaco Tutti i diritti riservati -